www.gastromusica.it


Vai ai contenuti

12 Dolci

1 Ricettario

I dolci rappresentano momenti di allegria,felicità,gioa,infondono serenità.Non riesco ad immaginare una ricorrenza,un compleanno,un anniversario o una festa comandata senza un dolce in tavola.I dolci con ingredienti semplici e genuini,come farina,zucchero,burro,latte,uova mandorle,nocciole,canditi,uva passa,pistacchi,miele,ricotta,cioccolato,caffè,ect,nella nostra cultura mediterranea quasi sempre le loro origini li troviamo nella tradizione contadina.Per cui ogni ricorrenza familiare, feste religiose e feste di paese vedeva le donne impegnate a elaborare non dei semplici dolci ma proprio quel tipo di dolce che rappresentava quella particolare giornata festiva.Difatti ogni piccolo paese ,città o vallata,da noi in Italia ha il suo dolce tradizionale per il Santo Patrono,la Settimana Santa,Per le feste Natalizie e così via.A questi si aggiungono le ormai conosciutissime sagre,in cui in base alla zona di coltivazione di taluni prodotti(fragole,pistacchi,noci,mandorle etc) si preparano tantissime specialità di pasticceria, per divulgare e far provare al pubblico gusti e aromi di queste preparazioni.E' doveroso dire che anche in Europa,la preparazione di dolci e biscotti prelibati e fini al gusto,prendono origine da ricette più o meno antiche tramandate nei monasteri dalle manache di clausura,che anche ai giorni nostri si applicano con grande amore e fantasia.Le antiche origini della creazione di dolci ovviamente ci porta alle fastose corti della fine del seicento in poi,dove maestri pasticceri hanno reso queste preparazioni un'arte creativa e raffinata sviluppandosi in tutta Europa.Diciamo che quest'arte ha sicuramente,nel tempo,risentito dei gusti e delle mode delle ricchezze e delle povertà e sopratutto delle ribellioni e delle dominazioni straniere.Comunque ai giorni nostri ormai anche le ricette più difficili sono a partata di mano,grazie al lavoro di maestri pasticceri troviamo queste specialità in quasi tutte le pasticcerie o ristoranti e alberghi ed anche e' possibile prepararli a casa nostra.

Cannoli alla siciliana.Questa sicuramente è una specialità dalle mille sfumature e altrettanti modi di elaborazione,in ogni angolo della Sicilia si preparano in modi differenti aggiungendo o togliendo qualche ingrediente personalizzando questa antichissima ricetta.Vi descrivo quì di seguito come li preparo io.Se volete preparare le scorze dovete impastare la sera prima: 500 gr di farina,50 gr di sugna,100 gr di zucchero,un pò di vino rosso e sale.Mettete su una tavola la farina,la sugna,lo zucchero,un pizzico di sale e impastate il tutto,mettendo il vino fino ad ottenere una pasta sofficeCoprite la pasta con un canavaccio umido:l'indomani spianate la pasta e fate quadrati di circa 10 centimetri,vi raccomando il più sottile possibile.Procuratevi dei cannelli (una volta usavamo i cannelli di canna, oggi sul mercaro si trovano quelli di metallo) avvolgete la pasta su questi cannelli,ma non stringetela troppo e friggetele in abbondante olio ben caldo (una volta si usava la sugna), sfilatele solo quando si raffreddano e fate molta attenzione, e facile che si rompano.Per il ripieno vi occorrono i seguenti ingredienti:1 kg di ricotta,un pò di cioccolata amara a pezzo,250 gr di zucchero,una bustina di vaniglia, un pò di cannella in polvere,100 gr di cedrata o macedonia di frutta candita ciliege rosse e verdi.Passate al setaccio la ricotta,mettetela in una zuppiera e aggiungete lo zucchero.la cioccolata tagliata a quadratini piccoli e la frutta candita.Fatela riposare qualche ora e dopo riempite i cannoli.Alle due estremita' potete mettere mezza ciliegia candita verde e rossa,un pò di granella di pistacchio non starà certo male.Spolverateli di zucchero a velo e servitelo ai vostri ospiti.

La cassata siciliana (dall'arabo qas'at, "bacinella" o dal latino caseum, "formaggio") è una torta tradizionale siciliana a base di ricotta zuccherata, pan di Spagna,liquore (sbagna) pasta reale, frutta candita e glassa di zucchero.
Esistono di questa specialita'innumerevoli varianti locali,a partire dalla decorazione(semplice con glassa e un po' di scorza d'arancia candita o più complessa e baroccheggiante con perline colorate e diversi tipi di frutti canditi.A seconda delle elaborazioni locali possiamo trovare aggiunti altri ingredienti come:
pistacchio, pinoli, cioccolato, cannella, maraschino o acqua di zagara. A Catania una delle più famose varianti è quella dei "Cassateddi di sant'Aita" dolci tipici di solito preparati nel periodo della festa patronale. Si tratta di dolci a forma di mammella, fatti con pan di spagna imbevuto di liquore e farcito con crema, e ricoperti di glassa bianca con sopra una ciliegia candita,che rappresentano (allegoricamente) quelle che furono asportate alla Santa prima del martirio finale.Le radici della cassata risalgono alla dominazione araba in Sicilia (IX-XI secolo). Infatti gli arabi introdussero a Palermo la canna da zucchero, il limone, il cedro, l'arancia amara, il mandarino, la mandorla. Gli ingredienti base della cassata, quindi, con la ricotta che si produceva in Sicilia sin dai tempi molto remoti, erano tutti riuniti per dare poi vita a questa magnifica creazione.All'inizio, la cassata, non era altro che un involucro di pasta frolla farcito di ricotta zuccherata e poi infornato.Quando vi fu' la dominazione normanna , a Palermo presso il convento della Martorana, fu creata la pasta reale o Martorana, un impasto di farina di mandorle e zucchero, che, colorato di verde con estratti di erbe, sostituì la pasta frolla come involucro.Così nacque la cassata composta a freddo.Arrivo' la dominazione spagnola e introdussero in Sicilia il cioccolato e il pan di Spagna e durante il periodo barocco si aggiunsero infine i canditi.Il resto fino ai tempi nostri è storia.

Cassata Siciliana ingr. 1 pan di Spagna ,un bicchiere di acqua di zagara.Per la pasta Martorana(reale): 200 g di farina di mandorle, 200 g di zucchero, 100 g di acqua, colorante verde per dolci, 400 g di frutta candita.Per il ripieno: 500 g di ricotta, 300 g di zucchero, 50 g di cioccolato fondente, 50 g di zucca candita,20 g di pistacchio,20 di pinoli, 1 bustina di vaniglia. Per la glassa: 200 g di zucchero a velo, acqua quanto basta. Prep.Prendete il pan di Spagna, dividetelo in tre dischi e inzuppateli con uno sciroppo fatto con l'acqua di zagara e zucchero. Preparate la pasta reale, con la farina di mandorle, lo zucchero e l'acqua; aggiungete del colorante verde per dolci e lavorate fino ad ottenere un impasto morbido, che stenderete con il mattarello e taglierete in tanti rettangoli, lunghi quanto l'altezza dello stampo, di forma rotonda. Foderate con questi rettangoli i bordi interni dello stampo, alternandoli con rettangoli di eguale misura di pan di Spagna (utilizzate un disco di pan di Spagna). Al fondo dello stampo mettete un disco di pan di Spagna e versatevi sopra la crema di ricotta, che avrete precedentemente preparato, passando a setaccio la ricotta, lavorandola con lo zucchero e condendola con la vaniglia e l'aggiunta di pezzetti di cioccolato e zucca candita. Coprite con l'altro disco di pan di Spagna. Lasciate riposare per circa mezz'ora, quindi rivoltate lo stampo su di un piatto da portata, e versate sopra la torta la glassa di zucchero, che avrete preparato sciogliendo lo zucchero a velo con l'aggiunta di acqua, a fuoco basso, mescolando fino ad ottenere uno sciroppo trasparente. Lasciatela raffreddare prima di versarla sulla torta per coprirla.La decorazione lascia spazio alla vostra fantasia con moltissime variazioni con la frutta candita.

Bignè.Ingr.l 0,25 di acqua,160 gr di burro,200 gr di farina 00, 7 o 8 uova circa.un pizzico di sale.Prep.Fate sciogliere il burro nell'acqua e portate ad ebollizione.Incorporate la farina e togliete dal fuoco.Lasciate raffreddare un poco e iniziate ad incorporare le uova uno ad uno,girandoli con un cucchiaio da cucina.Questo impasto deve risultare ne' troppo morbido nè troppo duro.Questo particolare è importante per la riuscita di questa ricetta.Iniziate quindi a sbattere la bignè fin quando non si formano delle bolle.A questo punto prendete la siringa per dolci e riempitela con l'impasto,e in una teglia fate le forme che desiderate.Infornate a 220 gradi per venti minuti circa e poi spegnete il forno e lasciateli asciugare.Si possono poi riempire con creme di vari gusti.

La Setteveli Gli strati che la compongono sono pan di spagna al cacao, base pralinata, bavarese di nocciola, mousse al cioccolato, ghiaccia a specchio e tutte le varie decorazioni al cioccolato.
Pandispagna al cacao:
Ingr.6 uova,150 gr di zucchero,140 gr di farina,60 gr di fecola,40 gr di cacao amaro,una bustina di lievito e una presa di sale.
Preparazione.Sbattete le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso,unite il sale, la farina, il cacao e la fecola setacciata con il lievito.Versate il composto su uno stampo a cerniera di 30 cm di diametro imburrato e infarinato.
Cuocere in forno a 180° circa per 25-30 minuti, se con il forno ventilato, dopo 20 minuti controllatelo con uno stecchino.
Bagna per il pan di spagna:ingr.200 ml di acqua e 200 gr. di zucchero.

Base pralinata:Ingr.200 gr di cioccolata gianduia,150 gr di pralinato,125 gr di feuillantine gavottes o mais o cereali o biscotti ai cereali sbriciolati.Mescolate alla cioccolata sciolta a bagnomaria il pralinato e poi i biscotti rotti con le mani.
Disponete a cucchiaiate dentro al cerchio con cartaforno, distendendo cercando di livellare il composto. Mettere in frigo per qualche ora.
Bavarese alle nocciole Ingr. 3 tuorli,60 gr di zucchero,1,5 fogli di gelatina,200 ml di panna fresca,1 cucchiaio di pralinato alle nocciole,1 cucchiaino da cafè di maizena,250 ml di latte intero.
Preparazione Montate i tuorli con lo zucchero e nel mentre fate bollire il latte.Aggiungete ai tuorli un cucchiaino di maizena e il latte raffreddato,ma ancora caldo. Rimettere sul fuoco a fiamma molto bassa e girate finche' si addensa.
Nel frattempo, avrete messo in acqua fredda i fogli di gelatina, quindi li potete aggiungere alla crema dopo averli strizzati bene e anche il pralinato.A parte montare la panna e mescolate delicatamente al composto una volta raffreddato.Tenete la bavarese per un po' in frigo.
Mousse al cioccolato Ingr. 200 gr. di cioccolato fondente, 100 gr. di latte, 4 tuorli, 4 albumi montati a neve, 120 gr. di burro morbido.Sciogliete il cioccolato a bagnomaria aggiungendo il latte,aggiungete il burro,mescolando sempre e i tuorli uno alla volta.
Amalgamare bene. Versare in una terrina e lasciare raffreddare. Nel frattempo montate a neve ferma i bianchi,unite delicatamente gli albumi al composto e far riposare in frigo.
Glassa a specchio Ingr. 170 gr d’acqua,150 gr di panna liquida fresca,230 gr di zucchero,75 gr di cacao,7 gr di colla di pesce.
Preparazione Fate bollire, mantenendo la fiamma bassa, acqua, panna zucchero e cacao per 8 minuti. Togliete dal fuoco e raffreddare fino ai 50°, aggiungete la colla di pesce ammorbidita in acqua fredda. La ghiaccia va usata a 40 gradi.

Come montare la torta Prendete dal frigo la base pralinata senza toglierla dal cerchio della tortiera.Versate sopra la mousse al cioccolato.Tagliate il pan di spagna sottile e bagnarlo da entrambi i lati con lo sciroppo preparato prima.Porre il disco di pan di spagna sopra la mousse.Aggiungete la bavarese alle nocciole.Ricoprite nuovamente col secondo disco di pan di spagna sempre bagnato con lo sciroppo.Versate nuovamente la mousse al cioccolato.Lasciate riposare per una notte nel congelatore.Il giorno dopo riscaldate la ghiaccia a specchio a 40°.Disponete la torta sulla griglia per torte e far colare per bene la ghiaccia, facendo attenzione a coprire anche i lati.Tenete la torta sulla griglia per due ore in frigo.Trasferitela dopo sul piatto di servizio e rimettete in frigo per altre 7-8 ore......decorazione a piacere e buona degustazione.

Crostata di ricotta della valle dell' Alcantara.Ingr.500 gr.di ricotta,350 gr di farina bianca,280 gr di zucchero,170 gr di burro,30 gr di pinoli,30 gr di uva sultanina,40 gr di canditi d'arancia e cedro,7 uova un pò di cannella e 1 limone.Prep.Impastate la farina, il burro ammorbidito,4 tuorli d'uovo e 130gr di zucchero,coprite l'impasto e fatelo riposare.Setacciate la ricotta e mescolatela con lo zucchero rimanente,3 tuorli d'uovo e un pò di cannella in polvere.Ammorbidite l'uva sultanina,fatela colare e aggiungetela alla ricotta insieme ai canditi,i pinoli,la buccia di limone grattugiata ed infine due albumi montati a neve ben fermi li mescolerete al tutto con molta delicatezza.Con il mattarello stendete la pasta e foderate uno stampo per crostate,quindi versate la ricotta condita e decoratela adagiando delle strisce di pasta.Spennellate con l'albume rimasto le strisce di pasta e infornate a 180/200 gr per circa 25 minuti.Appena la uscite dal forno fatela un pò raffreddare e dopo sformatela e servitela in un piatto da portata.

Crispelle di San Giuseppe Ingr.1 kg di riso, 1 kg di farina 00, 1 lt di latte, lievito di birra 1 panetto, miele grezzo, un pizzico di sale, olio o strutto per friggere.Prep La sera prima, versare in una casseruola il latte con un pizzico di sale e metterlo sul fuoco. Quando inizia l'ebollizione, versare il riso, lasciando che assorba tutto il liquido. La mattina dopo aggiungere il lievito diluito in un po' d'acqua e la farina a poco a poco e se gradite della scorzetta d'arancia fresc non trattata e tagliata molto sottile. Fare riposare per due ore. Trascorso questo tempo, formare con il composto dei lunghi e sottili bastoncini, quindi friggerli nell'olio o nello strutto bollente. Scolare le crispelle del grasso di frittura, disporle su un piatto di portata e versare sopra il miele sciolto a bagnomaria. Servitele calde.


Torta alle Noci Ingr. 9 uova,375 gr. di zucchero,375 gr. di noci.Prep.Tritate le noci non troppo fini,sbattete lo zucchero e tuorli insieme e montate gli albumi a neve.quindi unire in una terrina capiente tutto il composto e aggiungete una bustina di lievito vanigliato, sbattete il tutto bene.Prendete una tortiera e imburratela o foderatela con della carta da forno e versate il composto cuocendolo in forno preriscaldato, a fuoco lento (140°- 150°) per 50 minuti circa.L’interno della torta rimarrà morbido e se lo desiderate è possibile accompagnarle con panna montata.

C:\Documents and Settings\gianni\Desktop\immagini gastronomia\Dolci e dessert\Torta alle nocciole.jpeg
Error File Open Error

Torta di nocciole dell'Alcantara Ingr.9 uova,375 gr. di zucchero,375 gr. di nocciole,1 crema di nocciole.Prep.Separate i tuorli dagl'albumi e insieme allo zucchero,sbattete i tuorli.Ammollate in acqua calda le nocciole e procedete nella spellatura dei frutti secchi tritandoli successivamente.Montate gli albumi a neve e unite il composto aggiungendo 1 bustina di lievito vanigliato, sbattete il tutto bene.Versate il composto in una tortiera imburrata,e cuocere, in forno pre-riscaldato, a fuoco lento (140°- 150°) per 50 minuti circa.A cottura ultimata l’interno della torta rimarrà morbido. Tagliate a metà la torta in linea orizzontale farcite con la nutella e con un po' di granella di nocciole e lasciare in frigo.

Nucatuli Ingr.Kg. 1 di farina, gr. 160 di zucchero,gr. 160 strutto,2 tuorli d'uova,un bicchiere acqua di rosa, 2 bicchieri di vino bianco dolce. Per il ripieno: gr 500 di mandorle tritate,gr. 400 di zucchero o miele cannella qualche cucch. Acqua di rosa.Prep.Su una spianatoia, versate la farina, fate un buco al centro e versate lo zucchero, lo strutto, i tuorli d'uova e impastate il tutto con l'acqua di rose e il vino, fino a ricavarne una pasta consistente; tirare col mattarello una sfoglia e da questa, ricavarne dei dischetti. In un pentolino, versare lo zucchero o il miele, la cannella e le mandorle, inumidire con qualche cucchiaio di acqua di rose e mettere il pentolino sul fuoco a fiamma bassa finchè il tutto diventa fluido (non caramellato). Togliere dal fuoco e con l'aiuto di un cucchiaio, deponete un pò di ripieno su ogni dischetto, ricopritelo con un altro dischetto, praticate una leggera pressione sui bordi per fateli aderire, adagiate i nucatoli su una teglia imburrata e cuoceteli in forno a 250 gradi per un quarto d'ora.Sfornateli e lucidateli con albume d'uovo battuto, spolverateli con zucchero e rimetteteli in forno per 5 min. ancora.

C:\Documents and Settings\gianni\Desktop\immagini gastronomia\Dolci e dessert\Nucatoli.jpeg
Error File Open Error

Sfinci di S. Giuseppe (Dolci tradizionali della festa di San Giuseppe) Ingr. Dosi per circa 45 sfince: 500 g di farina 00, 500 g di acqua, 10 uova, 100 grammi di margarina (o strutto), 10 grammi di sale, un pizzico di bicarbonato, Olio di semi abbondante per friggere (in origine si usava lo strutto). Dosi per la Crema di Ricotta: 2 Kg di ricotta, 1,2 Kg zucchero, 100 grammi di cioccolata fondente (a gocce), 300 g, Scorze d’arancia o ciliegie candite q.b., Granella di pistacchi q.b.Prep.Mettete nell’acqua la margarina ed il sale e fate bollire. Incorporate la farina e mescolare continuamente sino a quando la pasta non diventa dura (deve essere tanto dura da far male il braccio!). Dopodiché, mentre la pasta si va raffreddando, stendetela e ristendetela con il matterello fino a quando la pasta non diventerà tiepida. A questo punto si riforma con la pasta un unico corpo e si uniscono 8 delle 10 uova uno per volta (unire il successivo uovo quando il precedente è ben assorbito dalla pasta).Aggiungere il pizzico di bicarbonato e lavoratela, infine aggiungete le ultime due uova con lo stesso procedimento descritto, fin quando la pasta sarà ben amalgamata.
Prendete il composto a cucchiaiate (non troppo grandi e poche alla volta) e tuffatele nell’olio, non troppo bollente ma abbastanza caldo, e fatele cuocere, per circa venti minuti, immergendole continuamente, fin quando le “sfince” saranno ben dorate. Man mano che le sfinge saranno pronte, mettetele a sgocciolare su carta assorbente e fatele raffreddare.Preparate la crema di ricotta quindi aggiungete la cioccolata e la zuccata a pezzetti amalgamando bene il tutto.A questo punto praticate un foro nelle “sfinge” e fare in modo di farvi entrare la crema, quindi spalmarne ancora sulla parte esterna. Decorare con la granella di pistacchi e, se si vuole, con le scorze d’arancia o le ciliegie candite rosse o verdi.

Sfincione di riso Ingr. 900 g di riso, 1 litro di latte, 20 g di lievito di birra, 250 g di farina, 400 g di zucchero, 1 buccia d'arancia, cannella, olio.Prep. Bollire il riso nel latte fino a cottura, aggiungendo eventualmente dell'acqua.Dopo aver lasciato raffreddare il riso aggiungete gradualmente la farina, metà dello zucchero, il lievito sciolto in una tazzina di latte tiepido, la buccia d'arancia grattuggiata e la cannella. Amalgamate il tutto e lasciate riposare per cira due ore.Friggete in olio bollente tocchetti di riso fino a completa doratura.Una volta raffreddate rotolate nello zucchero semolato e spolverate con zucchero a velo.

Zeppole di San Giuseppe Ingr.per la Pasta: patate 250 g, farina 250 g, zucchero 20 g, burro 50 g, uova 2, limone scorza grattugiata, lievito di birra un cubetto (1 cucchiaio acqua per sciogliere il lievito), zucchero q.b., olio per friggere q.b.Prep. Impastate gli ingredienti e preparate delle ciambelle con la pasta. Mettete le ciambelle a lievitare al caldo per circa 2 ore,dopo friggetele e passatele nello zucchero.


'nzuddi Ingr. Kg 1 di farina, Kg 1 di zucchero, g 100 di mandorle tostate e tritate, 1 cucchiaio di scorza d'arancia candita, g 10 di anmoniaca per dolci, una presa di cannella in polvere, acqua q.b., Mandorle q.b.Prep.In una terrina molto capiente, versate la farina lo zucchero, le mandorle tritate, la scorza d'arancia candita, l'ammoniaca e la cannella. Impastate il tutto con l'acqua, fino ad ottenere una pasta molto soffice. Ungete una piastra da forno e con la pasta formare tanti biscotti, dandogli una forma rotonda e su ognuno adagiarvi una mandorla intera. Cuocete in forno caldo circa 10-15 minuti e ritirare appena assumono un colore dorato.



Chiacchiere al marsala Ingr.Farina 500 g, zucchero 80 g, burro 50 g, 3 uova, marsala 2 cucchiai, zucchero a velo, olio di semi, sale.
Prep.Disponete la farina a fontana sulla spianatoia, rompete al centro le uova e unite lo zucchero. Aggiungete il burro che avrete fatto ammorbidire a temperatura ambiente, i due cucchiai di Marsala (potete usare anche altro vino aromatico o vino bianco secco) e un pizzico di sale. Impastate con cura gli ingredienti, lavorate la pasta a lungo fino a formare un impasto consistente e liscio e fate riposare coperto con un telo per un’ora. Se avete la macchinetta per la sfoglia, finite di impastare ripassando più volte la pasta infarinata tra i rulli (in posizione di massima apertura) ripiegandola su se stessa.
Stirate la pasta in una sfoglia sottilissima, ricavate con una rotella dentata rettangoli di 7 per 13 centimetri e praticate al centro di ognuno 3/5 tagli paralleli intrecciando le strisce centrali.Friggetele poche alla volta in abbondante olio di semi bollente, poi scolatele su carta assorbente. Fatele raffreddare e servitele spolverizzate con abbondante zucchero a velo e una manciata di cannella.


C:\Documents and Settings\gianni\Desktop\immagini gastronomia\Dolci e dessert\Chiacchere.jpeg
Error File Open Error
C:\Documents and Settings\gianni\Desktop\immagini gastronomia\Dolci e dessert\Amaretti.jpeg
Error File Open Error

Amaretti Ingr. 1 kg di zucchero- 5 mandorle spellate- 8/10 mandorle amare- 200 gr di albumi d'uovo. Prep.Tritate finemente le mandorle dolci e quelle amare, incorporare lo zucchero e gli albumi d'uovo e lavorare la pasta per 30 minuti finchè il composto risulti morbido e schiumoso.Sistemate la pasta in una teglia unta, dando una forma rotonda di circa 3 cm di diametro ad ogni biscotto. Mettere nel forno a calore moderato, fino a quando assumeranno un colore dorato.

Biancomangiare Ingr. 1 litro di latte, g 270 di zucchero, g 100 dì amido, Vaniglia.Prep. In un tegame, mettete il latte freddo con lo zucchero,unirvi l'amido lentamente per evitare che si formino grumi e aggiungete la vaniglia, portare ad ebollizione, continuando a mescolare. Appena densa, ritirare dal fuoco.

C:\Documents and Settings\gianni\Desktop\immagini gastronomia\Dolci e dessert\Biancomangiare.jpeg
Error File Open Error
C:\Documents and Settings\gianni\Desktop\immagini gastronomia\Dolci e dessert\Pignolata messinese.jpeg
Error File Open Error

Pignolata messinese ( Dolce caratteristico di Messina) Ingr. g 500 farina bianca, g 50 burro, 5 uova, g 150 cioccolato fondente, g 200 miele, limone, olio per friggere, sale.Prep. (Riccioli di pasta bignè fritta, poi glassati al limone e cioccolato).Impastate la farina con le uova intere, il burro ammorbidito e un pizzico di sale.Lavorate gli ingredienti fino ad avere un formato elastico e morbido per poi coprire con una tovaglia e lasciar riposare un'ora.Prendete la pasta, tagliatela in piccole corde spesse un dito e lunghe circa due centimetri.Friggete gli gnocchetti di pasta in molto olio ben caldo. Poneteli su carta assorbente. In un tegame di buona portata fate sciogliere, a fuoco basso, il miele e ritiratelo quando è trasparente, grattugiate della buccia di limone e mettete i gnocchetti fritti.Ponete il tutto in un piatto da dolci di buona portata formando una montagnuola.Fate sciogliere in una pentola, a bagnomaria, il cioccolato: spalmatelo in maniera uniforme sulla pignolata e servite.

Paste di mandorla (antica ricetta) Ingr. 1/2 kg di mandorle sbucciate,550 gr di zucchero,4 albumi,vaniglia,buccia di limone non trattato grattugiato,qualche goccia di mandorla amara e zucchero impalpabile.Prep.Miscelate lo zucchero,le mandorle,la vaniglia e la buccia grattugiata del limone e un cucchiaio di miele con un paio di albumi e raffinate (Con raffinatrice a rullo) o passate al robot di cucina e riducete il tutto fine .Mettete il composto ottenuto su un piano di lavoro fate una fonte a centro e mettete gli altri albumi.Ammalgamate il tutto lavorandolo con delicatezza.Per la consistenza della pasta mi regolo al momento,poiche' alcuni fattori possono determinare in maniera non sempre uguale la morbidezza.Ma dopo qualche prova vedrete che troverete la giusta consistenza della stessa.A questo punto passate al setaccio lo zucchero impalpabile.Fate delle palline con la pasta di mandorla,passatele nello zucchero e disponetele in una teglia.Potete decorarle con ciliege condite o altra frutta canditasenza schiacciarle troppo e infornatele a 180° per 30 minuti circa e lasciatele raffreddare prima di staccarle dalla teglia.A fianco ci sono alcune forme di pasta di mandorla tipica siciliana.

Tronchetto "Etna" Ingr.Savoiardi o pan di spagna,crema pasticcera,sbagna all'arancia,granella di pistacchio di Bronte,panna montata e fragoline di bosco.Prep.Disponete i savoiardi o il pan di spagna in un vassoio trinato,sbagnate con il preparato all'arancia e spalmate il primo strato di crema.Al centro mettete o una fila di savoiardi composta da due biscotti (Se partite con quattro alla base) o pan di spagna,ricoprite con un altro strato di crema dopo averli sbagnati e completate con ultima fila di biscotti mettendoli in verticale da ambedue lati formando la cima del vulcano.Con una spatolina passate un po di crema sui lati una striscia di circa 3 cm e attaccate il pistacchio,quasi a formare le pendici dell'Etna.Dopo la striscia di pistacchio spalmate panna montata fino ad arrivare in cima simulando la neve.Infine mettete le fragoline a rappresentare la lava.Molto semplice da preparare e di ottima attrazione oculare.Buona degustazione

Tronchetto del pastore Ingr.Pan di spagna o savoiardi,sbagna all'arancia, 500 gr di ricotta fresca,100 gr di zucchero,cedrata e buccia di arance candite e a piccoli pezzi,cioccolato fuso per decorare.Prep.Disponete su di un vassoio trinato capiente il pan di spagna (2 cm circa di spessore) sbagnatelo a piacere e farcite con la ricotta precedentemente passata a setaccio e amalgamata con lo zucchero.Mettete un po' di frutta candita e mettete al centro una striscia la meta' di quella di base.Sbagnate e coprite con altra ricotta a dando la forma al tronchetto.A questo punto partite per la lunghezza alternando una striscia di pan di spagna o di biscotti e una di ricotta piu' o meno come nella foto.Decorate con il cioccolato fuso,pezzetti di frutta candita, e lasciate riposare per almeno 5 ore,cosi' si insaporisce e si ammorbidisce.

Tronchetto dolce Italia Ingr.Savoiardi o pan di spagna,crema pasticcera montata con panna fresca,sbagna all'arancia,pistacchio di Bronte in granella e lamponi.Prep. Disponete il pan di spagna o savoiardi su un vassoio trinato e sbagnate a piacere,stendete uno strato di crema e se volete distribuite un po' di lamponi a pezzettini.Ricoprite con dell'altro pan di spagna o savoiardi,sbagnate e ricoprite con crema lavorata con qualche cucchiaio di panna.Decorate a piacere formando i tre colori della nostra Bandiera.Lasciatelo riposare un paio d'ore e servite.Semplice,pochi ingredienti,leggero ma con gusto....

Bavarese alle fragole Ingr. per 4 persone 300 g di panna, 200 g di fragole, 80 g di zucchero,10 g di gelatina in fogli, pistacchio sgusciato e tritato grossolanamente e un po' di brandy.Prep. Mettete a bagno in acqua fredda la gelatina in fogli e lasciatela per una decina di minuti in modo che diventi morbida. Nel frattempo lavate le fragole e privatele del picciolo. Frullatele in modo da avere una purea perfettamente omogenea. Con una frusta elettrica montate la panna ben fredda di frigorifero con lo zucchero. In un pentolino mettete la colla di pesce strizzata e fatela sciogliere sul fuoco con uno spruzzo di brandy. Una volta che sarà sciolta, incorporate alla colla di pesce la purea di fragole. Versate ora questo composto in un recipiente più grande e incorporatevi la panna con un movimento verticale dal basso verso l'alto. Dovrete ottenere un composto soffice e perfettamente omogeneo.Versate il composto in uno stampo dalla capacità di circa tre quarti di litro e date allo stampo dei colpetti in modo che il composto si assesti e venga eliminata dell'eventuale aria. Mettete lo stampo in frigorifero per almeno 2 ore. Controllate che la bavarese si sia solidificata, sformatela su un piatto da portata e guarnitela a piacere.Io ho usato panna fresca,fragole ,fragoline e pistacchio di Bronte.Buona degustazione.

C:\Documents and Settings\gianni\Desktop\immagini gastronomia\Dolci e dessert\Castagnole.jpeg
Error File Open Error

Castagnole Ingr.650 gr di farina,scorza di un limone,olio per friggere,4 uova,2 busta di vanillina,150 gr di zucchero,un pizzico di sale,150 gr di burro o margarina, una bustina di lievito per dolci,vino bianco o strega.Prep.Su un piano da lavoro in marmo,versate la farina creando una fontana e versate le uova, lo zucchero, lo zucchero vanigliato, il lievito, un pizzico di sale e il burro ammorbidito. Impastate con le mani e amalgamate bene il tutto. Quando l’impasto sarà liscio ed omogeneo aggiungete a piacere, per profumare,la strega o un po’ di vino bianco secco. A questo punto far riposare l’impasto per qualche minuto. Tagliate poi l’impasto a pezzetti formando delle palline grandi come castagne (da questo il nome ). Le palline ottenute andranno fritte in abbondante olio ben caldo all’interno di una casseruola capiente . Una volta cotte,dopo averle rigirate spesso per una doratura omogenea, lasciatele riposare su di un piatto rivestito di carta assorbente. Spolverizzate in fine con lo zucchero a velo e servire le castagnole ben calde. E’ possibile farcire con crema pasticcera o ricotta lavorata con zucchero.

Buccellato Ingr.per 4 pers. 300 gr di farina,125 gr di burro,50 gr di zucchero,1 cucchiaio di vino Marsala,300 gr di fichi secchi,200 gr di uva passa,100 g di uvetta sultanina,50 gr di noci sgusciate,30 gr di pinoli,30 gr di scorzetta di arancia candita,50 gr di zuccherata
3 chiodi di garofano.
Prep.Mescolate in una zuppiera la farina, il burro, lo zucchero e il cucchiaio di Marsala ed amalgamate tutto con le mani. Lasciate riposare l'impasto per un'ora circa e dopo stendete la pasta con il mattarello. Preparate nel frattempo il ripieno fatto dai fichi secchi, l'uva passa, uva sultanina, mandorle, i pinoli, la scorzetta di arancia, la zuccherata, i chiodi di garofano ed un pizzico di pepe. Triturate tutto finemente mescolando con un po' di zucchero. Avvolgete il ripieno nella pasta, dando forma di ciambella su cui farete delle piccole incisioni. Spennellate con tuorlo d'uovo ed infornate per venti minuti. Quando si sarà raffreddato, decorate con zucchero a velo, pezzetti di pistacchio e frutta candita.

Baci di dama.Ingr.200 gr di farina,200 gr di mandorle spellate,200 gr di zucchero,50 gr di burro,70 gr di cioccolato amaro e due cucchiai di panna liquida.Prep.Tritate finemente le mandorle,e unitele alla farina, lo zucchero e il burro ammorbidito.Ammalgamatelo velocemente senza lavorare troppo la pasta e fate poi delle palline grandi poco meno di una noce disponendole in una teglia imburrata e infornate a 180°C per una quindicina di minuti.Nel frattempo che i baci si raffreddano.Quindi prendete il cioccolato fondente amaro e fatelo sciogliere unendo poco alla volta la panna liquida.Fate raffreddare un poco la crema e spalmate un po' sul lato inerno di ogni pallina e unitele.Lasciate indurire il cioccolato e i baci rimarranno uniti.


Riso nero.Ingr.200 gr di riso,80 gr di cioccolato fondente grattugiato.30 gr di zucchero semolato,cannella,sale e zucchero impalpabile.Prep.In acqua salata fate cuocere il riso.Scolatelo ed ancora caldo aggiungete il cioccolato fondente facendolo sciogliere Mettetelo in un piatto di portata spruzzatelo con tutte e due tipi di zucchero e la cannella .Servitelo freddo.

©2009 Giovanni Giufre All rights reserved.

Home Page | 1 Chi sono | 1 Ricettario | 17 Sistemazione e decorazione dei tavoli | 18 Vini e loro abbinamenti | 2 Ristorazione e dintorni | 3 Comunity | 4 Intolleranze | 5 Di tutto di piu' | 43 Contatti e donazioni | 6 Lingue | 7 Extra | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu